FISDE, in armonia con i propri fini statutari e valorizzando il ruolo centrale, consapevole ed attivo delle famiglie, interviene a favore della disabilità con prestazioni erogative, assistenziali alla persona e attività associative.

PUBBLICAZIONI

Chi può accedere alle prestazioni

Hanno diritto ad usufruire delle prestazioni i soci ordinari e straordinari, i soci aggregati (ove previsto dalle convenzioni stipulate dal FISDE con le rispettive società), i familiari a carico che rientrino in una delle seguenti categorie:

  • soggetti ai quali sia stata riconosciuta una invalidità pari al 100%;
  • soggetti ai quali sia stata riconosciuta l’indennità di accompagnamento;
  • soggetti di età inferiore agli anni 18, riconosciuti invalidi civili, in relazione a difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età;
  • ciechi assoluti;
  • sordomuti.

Hanno inoltre diritto ad usufruire delle prestazioni previste i soci ordinari ed i soci aggregati, nonché – entro il limite dei 40 anni di età – i soci straordinari ed i familiari a carico dei soci ordinari, dei soci aggregati e dei soci straordinari che presentino una accertata minorazione fisica, psichica o sensoriale stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione (art. 3, comma 1 della Legge 104/92).

Una volta superati i limiti di età previsti, oppure nel caso di modificazione dello status (ad es.: da socio ordinario a socio straordinario), l’interessato potrà continuare a fruire delle prestazioni previste, rinnovando la domanda di accesso alle prestazioni, se rientrante in altra delle categorie contemplate.

Domanda di accesso alle prestazioni

Accertati i requisiti è necessario presentare Domanda di accesso alle prestazioni REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI ALLE PERSONE DISABILI, su apposito modulo, corredata dalla certificazione sanitaria rilasciata ai sensi dell’art. 4 della Legge 104/1992 dalla Commissione Medica competente o certificazione rilasciata dalle competenti Commissioni Pubbliche che attestino la cecità assoluta od il sordomutismo, o l’invalidità pari al 100%, o l’invalidità del minore a causa della difficoltà persistente a svolgere compiti e funzioni della propria età o certificazione attestante il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (art. 3 del Regolamento per le prestazioni delle persone disabili) utilizzando la piattaforma websanitaria Fisdeweb alla quale puoi accedere da questo sito oppure mediante raccomandata A.R. a: FISDE (Area D) – Via Nizza 152 – 00198 Roma.

Nel caso di richiesta di accesso alle prestazioni per il familiare fiscalmente a carico, è necessaria anche la dichiarazione di responsabilità che comprovi che lo stesso è fiscalmente a carico del socio.

Il diritto ad usufruire delle prestazioni decorre dalla data di presentazione della domanda di accesso, subordinatamente alla verifica della sussistenza dei requisiti soggettivi previsti.

Prestazioni erogative

Le prestazioni erogative riguardano rimborsi sanitari esclusivamente connessi alla situazione di disabilità, assistenza domiciliare e ricovero in case di riposo, abbattimento barriere architettoniche, interventi socio pedagogici e socio assistenziali, interventi per la famiglia, supporto scolastico e formazione, integrazione lavorativa e socio terapeutica.

Riguardo alle prestazioni sanitarie (elencate nel Nomenclatore Tariffario previsto dal Regolamento delle prestazioni sanitarie) che siano strettamente connesse con la situazione di disabilità dell’assistito e su richiesta del medico curante o dello specialista il rimborso è pari al 50 % della spesa sostenuta ovvero – se più favorevole – al 100% della tariffa di riferimento prevista dal Nomenclatore Tariffario, con applicazione dei tetti massimi di rimborso ivi previsti, salvo quanto precisato nel dettaglio delle prestazioni, rimborsabili nell’ambito dei valori espressamente indicati.

Per il dettaglio delle prestazioni erogative si rimanda all’ ALLEGATO al Regolamento delle prestazioni per le persone disabili

Le prestazioni e le attività associative sono iniziative di carattere socio-sanitario rivolte all’intera comunità degli assistiti e delle loro famiglie,

FISDE, oltre alle prestazioni erogative, offre agli assistiti:

  • servizi alla persona
  • attività associative

Termini e modalità per la presentazione delle domande di rimborso

Per ottenere il rimborso delle prestazioni sopra elencate devi presentare:

utilizzando la piattaforma websanitaria Fisdeweb, alla quale puoi accedere da questo sito, entro il 60° giorno successivo alla data della fattura (se la fattura è emessa nel corso del mese di dicembre la scadenza è fissata al 31 gennaio immediatamente successivo). Le richieste presentate oltre tale termine saranno respinte.

Non sono rimborsabili domande prive di sottoscrizione ovvero mancanti anche di una sola delle documentazioni previste. Qualora la domanda sia priva di sottoscrizione o incompleta, al socio viene fissato un termine di 30 giorni – decorrenti dalla ricezione della relativa comunicazione – per il perfezionamento della richiesta; trascorso inutilmente detto termine, la domanda è respinta.

Il rimborso è erogato in unica soluzione.

Il socio dovrà conservare ed esibire, a richiesta di FISDE, la documentazione fiscale di spesa in originale, fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di fruizione del rimborso.

Rimborsi/prestazioni per familiare fiscalmente a carico

Nel caso di richiesta di accesso a rimborsi/prestazioni per il familiare fiscalmente a carico, si ricorda che il socio deve presentare, entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di fruizione del rimborso/prestazione, documentazione reddituale da cui risulti che il familiare era a proprio carico; è esonerato da questo obbligo il socio che avesse fruito di rimborsi/prestazioni esclusivamente per familiare a carico minorenne (18 anni non compiuti). Resta fermo in ogni caso l’obbligo da parte del socio di conservare ed esibire, a richiesta di FISDE, la documentazione reddituale in originale fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di fruizione dei rimborsi/prestazioni del Fondo.

Nel caso di mancata produzione di tale documentazione, ovvero nel caso in cui dalla stessa non risulti confermata la situazione di carico fiscale, troveranno applicazione le specifiche previsioni disciplinanti controlli e sanzioni su prestazioni per familiari a carico.

Calcolo del rimborso

Il rimborso avviene in un’unica soluzione sulla base delle percentuali massime previste per ciascuna prestazione, fermo restando i tetti prefissati.

Prestazioni assistenziali alla persona

Le prestazioni assistenziali erogate da FISDE, supportate dal Consulente nazionale riguardano:

  • segretariato sociale;
  • orientamento scolastico e professionale finalizzato all’integrazione lavorativa del giovane disabile;
  • attività di supporto e consulenza socio-psicologica alla famiglia ed alla persona portatrice di disabilità.

Per richiedere il servizio di consulenza, gli interessati potranno inviare specifica comunicazione all’indirizzo di posta elettronica fisdeinsieme@fisde.it oppure telefonare al numero verde 800991121.

Prestazioni e attività associative – soggiorni disabili

Le attività associative promosse da FISDE, deliberate dal Consiglio di Amministrazione che ne stabilisce le modalità di partecipazione, consistono in soggiorni in favore di giovani disabili non autosufficienti di età compresa fra 14 e 40 anni finalizzati a favorire socializzazione, stili di vita attiva e autonomia. Quando la partecipazione ai soggiorni riguarda il familiare fiscalmente a carico, si ricorda che il socio, entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di fruizione del soggiorno, deve produrre la documentazione reddituale da cui risulti che il familiare era a proprio carico.

Il socio è obbligato a conservare ed esibire, a richiesta di FISDE, la predetta documentazione reddituale in originale fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di fruizione delle prestazioni.

Nel caso di mancata produzione di tale documentazione, ovvero nel caso in cui dalla stessa non risulti confermata la situazione di carico fiscale, troveranno applicazione le specifiche previsioni disciplinanti controlli e sanzioni su prestazioni per familiari a carico.